Mondovale a Roma nel nome di Carwyn James

La nostra associazione, in collaborazione con Carwyn James Legacy Association e la federazione Italiana rugby, organizza per venerdì 8 febbraio 2019, il convegno internazionale dal titolo «Il rugby di oggi può cambiare strada. Gli infortuni gravi e le carenze di prospettiva del gioco praticato oggi rendono il “thinking game” di Carwyn James ancora attuale? » con ospiti prestigiosi quali Gareth Davies, chairman della Welsh Rugby Union, la federazione gallese di rugby, Andrea Rinaldo, rappresentante Fir presso European Professional Club Rugby Board e Franco Ascione, responsabile dell’Area Tecnica della Fir. Moderatore del convegno sarà Paolo Pacitti, giornalista di Radio Rai, la voce radiofonica del rugby azzurro.

La cornice sarà la sala stampa dello Stadio Olimpico di Roma, messa a disposizione dall’Area Comunicazione della Fir. L’orario di inizio sarà le ore 14, subito dopo la press conference del capitano dell’Italia in vista del match Italia-Galles in programma il giorno dopo.

locandina-8-febbraio

Questo convegno prende spunto dal rinnovato interesse per la figura di Carwyn James, grande coach gallese degli anni ’70, maturata nell’estate 2017 con la pubblicazione della biografia “Into the wind: the life of Carwyn James” da parte di Alun Gibbard, giornalista gallese portato a Oderzo (Tv) e Rovigo da Mondovale  (vedi precedenti news) e grazie alle dichiarazioni del ex CT degli All Blacks, Graham Henry, a proposito dell’influenza che il pensiero rugbystico di Carwyn ha avuto sullo sviluppo del gioco moderno della squadra neozelandese. Dichiarazioni a margine del tour dei British & Irish Lions, tour che Mondovale ha ben documentato nelle quattro serate di Rovigo, Padova e Badia.

Il recente abbandono del rugby giocato del capitano gallese dei Lions, Sam Warburton e l’involuzione del gioco attuale, hanno spinto Mondovale a porre la questione ai tre esperti, anticipando di poco più di un mese, la riunione che l’International Board ha in programma a Parigi, con focus sugli infortuni dei rugbysti e le possibili modifiche al regolamento.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

*

captcha *